Download Dizionario etimologico comparato delle lingue classiche by Franco Rendich PDF

By Franco Rendich

Storia delle parole del più antico vocabolario indoeuropeo, nato alcuni millenni prima del fiorire della civiltà greco-romana, e delle loro trascrizioni in sanscrito, in greco e in latino.

Show description

Read or Download Dizionario etimologico comparato delle lingue classiche indoeuropee: Indoeuropeo - Sanscrito - Greco - Latino PDF

Best italian_1 books

La rivincita del paganesimo. Una teoria della modernità

Un viaggio alla scoperta delle radici della nostra identitàQuali sono le radici profonde della civiltà moderna? Alcuni anni orsono los angeles Chiesa cattolica domandò all'Unione Europea di riconoscere nella costituzione le "radici cristiane" dell'Europa. l. a. richiesta fu respinta. Il rifiuto opposto dalla quasi unanimità dei paesi europei sta advert indicare non soltanto che viviamo ormai in una società secolarizzata e post-cristiana, ove i seguaci di Cristo sono soltanto un gruppo di cittadini tra gli altri, ma che non è nemmeno così pacifico che i valori e le istituzioni che costituiscono l'ossatura della Modernità siano innanzitutto un'eredità del messaggio evangelico.

TUTTO - Teatro

Schemi riassuntivi in line with conoscere los angeles storia del teatro. mirknig. comSintesi e approfondimenti su periodi storici e correnti teatrali, grandi autori e azioni sceniche.

Giovanna d’Arco. La vergine guerriera

Milano, Euroclub, 1999, octavo cartonato con sovraccopertina illustrata a colori, pp. 193.

Extra resources for Dizionario etimologico comparato delle lingue classiche indoeuropee: Indoeuropeo - Sanscrito - Greco - Latino

Sample text

Aggiungiamo ora a queste radici la consonante iniziale s, che in indoeuropeo aveva il senso di "stare vicino a", "avere contatto con", e avremo i seguenti composti, il cui significato sarà "avvicinarsi [s] al mangiare [ad]": Sanscrito s a d Greco s (spirito aspro) e d Latino s e d Da queste radici derivarono, nelle rispettive lingue, i verbi sad, sidati; ézomai [da (s)ed] e sedeo "sedere". Prima osservazione. Come abbiamo già detto circa le radici jan-gen, anche qui la vocale e, in greco e in latino, è la trascrizione della vocale a indoeuropea.

In indoeuropeo i fonemi n/na/nā significavano "acqua". Si veda la seguente comparazione: Sanscrito (s)+n ā Greco n a/e/ē Latino n o Con la radice nā, simbolo dell'acqua, l'indoeuropeo creò il composto snā [s+nā] con il significato di "stare vicino [s] all'acqua [nā], ovvero "entrare in contatto [s], immergersi nell'acqua [nā]", che in sanscrito divenne il verbo "fare il bagno", "fare una nuotata", "bagnarsi". Il latino convertì la vocale ā in o e formò il verbo no, nare, "nuotare". Con questi simboli dell'acqua il greco formò i verbi néō e nḗkhō, "nuotare", e náō "scorrere", "fluire".

Pur destinati a costruire nel corso dei secoli la grandezza della civiltà greco-romana, questi nuovi arrivati sulle sponde del Mediterraneo non conoscevano l'origine della lingua che parlavano, né ricordavano il vero significato delle loro radici verbali, e quindi delle parole che pronunciavano. Allo scopo di spiegare quanto sopra, e cioè che il greco e il latino sono lingue neoprotosanscrite, vediamo ora quale fosse nei tempi antichi, in campo etimologico, il grado di conoscenza e lo stato degli studi in India, in Grecia e a Roma.

Download PDF sample

Rated 4.39 of 5 – based on 19 votes